Municca

concept, film, editing, sound SALVATORE INSANA
with ELISA TURCO LIVERI
production DEHORS/AUDELA, TEATRI PEREGRINI (No Borders Performance Art Festival)

Municca è il frutto di un’esperienza magica e misteriosa, quella vissuta a giugno 2016 a Santa Teresa Gallura grazie al prezioso sostegno di Teatri Peregrini Festival. Ogni giorno, per una settimana, abbiamo percorso a piedi, tra mirto e calura, tra silenzi e respiri marini, quel tratto di costa selvaggia e nascosta che porta verso il mare aperto, fino alla performance finale Fase di dormienza, un progetto nato in Sardegna dall’incontro con un territorio, i suoi abitanti, i suoi riti, i suoi tempi. Uno studio sul seme nella sua fase di dormienza, come cellula generativa primaria, tra conservazione e trasmissione, tra tradizione e tradimento, tra ricerca della qualità e esigenza della quantità. Un’indagine sulla biodiversità, tanto in ambito naturale quanto in ambito culturale.
Municca è confrontarsi con i confini, perdere i contorni. È esplorazione di un’isola dentro un’altra isola, Municca, Santa Teresa Gallura. La Corsica all’orizzonte. Vento e granito come tangibili compagni di viaggio.
Municca è perseverare la propria fase di dormienza con il sole a picco, tra le tracce sbiancate dal mare, il pensiero eroso, in contatto con forze che non ne vogliono (più) sapere di essere umani.

Municca is the result of a magical and mysterious experience, that experienced in June 2016 in Santa Teresa Gallura thanks to the precious support of Teatri Peregrini Festival. Every day, for a week, we walked on foot, between myrtle and heat, between silence and sea breaths, that stretch of wild and hidden coast that leads to the open sea, until the final performance Fase di dormienza (The dormant stage), a study about seed as a primary generative cell, between conservation and transmission, between tradition and betrayal, between searching for quality and quantity demand. A survey on biodiversity, both natural and cultural.
The seed as a subject of observation, as a container of specific identities, as a distinctive sign of a people, a matrix of an extinct language.
When mature the seed enters a quiescent or dormant phase during which all vital functions are suspended to be restored when conditions favorable to germination occur.
It’s in this form, a starting point that precedes and envisages a possible unpredictable development, which the body becomes a means of investigation.

2017 / 7’ 56’’